Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Referendum abrogativi del 12 giugno 2022

Domenica 12 giugno dalle ore 7  alle ore 23 gli elettori potranno votare nei seggi dislocati all’interno della Scuola Primaria San Giovanni Bosco, in via Suor Chiara Tribolo n.1

Data di pubblicazione:

mercoledì 20 aprile, 2022

Tempo di lettura:

3 min

Visualizzazioni

40 -

Ultimo aggiornamento:

mercoledì 18 maggio, 2022

Data di scadenza:

lunedì 13 giugno, 2022

Si voterà per abrogare o mantenere in vigore i testi di legge relativi a:

  1. Incandidabilità dopo la condanna – il referendum chiede di abrogare la parte della Legge Severino che prevede l’incandidabilità, l’ineleggibilità e la decadenza automatica per parlamentari, membri del governo, consiglieri regionali, sindaci e amministratori locali nel caso di condanna per reati gravi
  2. Separazione delle carriere – questo quesito del referendum chiede lo stop delle cosiddette “porte girevoli”, impedendo al magistrato durante la sua carriera la possibilità di passare dal ruolo di giudice (che appunto giudica in un procedimento) a quello di pubblico ministero (coordina le indagini e sostiene la parte accusatoria) e viceversa
  3. Riforma Consiglio Superiore della Magistratura – si chiede che non ci sia più l’obbligo di un magistrato di raccogliere da 25 a 50 firme per presentare la propria candidatura al Consiglio Superiore della Magistratura
  4. Custodia cautelare durante le indagini – si chiede di togliere la “reiterazione del reato” dai motivi per cui i giudici possono disporre la custodia cautelare in carcere o i domiciliari per una persona durante le indagini e quindi prima del processo
  5. Valutazione degli avvocati sui magistrati – il quesito chiede che gli avvocati, parte di Consigli giudiziari, possano votare in merito alla valutazione dell’operato dei magistrati e della loro professionalità

 

ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO

Gli elettori che per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all’estero, per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale, possono votare per corrispondenza presso il Consolato Italiano, inviando il modello di opzione, corredato di copia di documento di identità:

  • per posta al Comune di Dairago – Via Damiano Chiesa 14- 20036 Dairago
  • per posta elettronica anche non certificata all’indirizzo   demografici@comune.dairago.mi.it
  • per pec (da PEC) all’indirizzo comune.dairago@postecert.it
  • c.onsegna a mano all’ufficio elettorale anche da persona diversa dall’interessato.

La normativa si estende anche ai familiari con loro conviventi; in questo caso non è richiesto il periodo previsto di tre mesi di temporanea residenza all’estero.

La dichiarazione di opzione, da inoltrare tassativamente entro il giorno 11 maggio,  deve essere compilata con esattezza in ogni parte – indirizzo postale estero cui inviare il plico elettorale, l’indicazione dell’Ufficio Consolare competente per territorio, dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza-.

 

 

VOTO DOMICILIARE – CONSULTA GLI ALLEGATI

 

 APERTURA UFFICIO ELETTORALE PER RILASCIO TESSERE

Gli elettori che abbiano smarrito/deteriorato la propra tessera elettorale o che abbiano esaurito i 18 spazi per l’attestazione di avvenuta votazione, sono invitati a recarsi con sollecitudine presso l’ufficio elettorale per il rilascio di una nuova tessera, nei seguenti orari:

DA LUNEDI A VENERDI:  10.00-12.00

MARTEDI ANCHE 17.00-18.30

VENERDI 10 GIUGNO E SABATO 11 GIUGNO: 9.00-18.00

DOMENICA 12 GIUGNO: 7.00-23.00

 

RILASCIO CERTIFICAZIONI MEDICO-LEGALI PER VOTO ASSISTITO- CONSULTA L’ALLEGATO

 

 

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

18/05/2022